Pompeo Batoni 1708-1787. L’Europa delle Corti e il Grand Tour

6 dicembre 2008 – 3 maggio 2009

Palazzo Ducale, Lucca

Quarant’anni dopo la prima e unica esposizione in Italia che, grazie ad Isa Belli Barsali, lo video protagonista, Pompeo Batoni (Lucca 1708-Roma 1787) è tornato a impadronirsi delle sale del Palazzo Ducale della sua città, per mostrare gran parte dei suoi dipinti più significativi provenienti da vari musei del mondo.

È stata un’opportunità unica per riaffermare in patria un nuovo apprezzamento delle sue opere, celebratissime in vita, solo in tempi relativamente recenti hanno ritrovato sicuri consensi di critica e vasto successo di pubblico, come confermato dalle grandi esposizioni dedicate a Batoni nel 2007 dal Museum of Fine Arts di Houston e, a seguire, dalla National Gallery di Londra.

Al pari di queste, anche l’esposizione lucchese si avvarrà della supervisione di Edgar Peters Bowron, il maggior conoscitore di Pompeo Batoni, con Hugh Honour, Liliana Barroero, Enrico Colle, Peter Bjorn Kerber, Fernando Mazzocca, Carlo Sisi e coordinato da Maria Teresa Filieri. Rispetto alle precedenti manifestazioni, a Lucca è stata presentata una diversa e più ampia selezione di dipinti e, accanto ad essi, è stato esposto un nucleo di preziosi disegni provenienti da collezioni pubbliche e private.

Nelle varie sale sono stati collocati inoltre mobili e oggetti d’arte di altissima qualità, essenziali per restituire l’aria del tempo in cui l’artista ha ambientato le splendenti allegorie, le luminose scene sacre, i celebri ritratti.

La mostra, nata da un’idea della Fondazione Ragghianti, è stata realizzata con la collaborazione di  Comitato Nazionale III Centenario Pompeo Batoni, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Provincia di Lucca, Comune di Lucca, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Lucca, Banca del Monte di Lucca.

Approfondimenti

Biografia

Sezione didattica


 

Share

Pompeo Batoni 1708-1787. L’Europa delle Corti e il Grand Tour

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *