La Fondazione Ragghianti


Il progetto di Carlo Ludovico Ragghianti e di sua moglie Licia Collobi Ragghianti di creare un laboratorio permanente di studio e un centro di esperienze culturali per la città di Lucca si concretizza nel 1981, con la nascita del Centro Studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti, in seguito alla donazione della biblioteca, della fototeca e dellarchivio dei coniugi Ragghianti alla Cassa di Risparmio di Lucca.

Nel 1984 il Centro Studi diventa Fondazione Centro Studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti, alla quale aderiscono oltre che la Cassa di Risparmio di Lucca, il Comune e la Provincia di Lucca e la Regione Toscana. Nel 1992 la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, a seguito della scissione dalla banca, acquisisce la Fondazione Ragghianti.

Lo statuto della Fondazione

L’intento principale della Fondazione è rimasto nel corso del tempo quello delle origini, ovvero mettere a disposizione uno strumento di studio e di divulgazione dell’arte in tutte le sue forme.

Nel 1992 la Fondazione ha acquisito per donazione la biblioteca, la fototeca e l’archivio di Pier Carlo Santini che è stato il primo Direttore Scientifico della Fondazione dal 1984 al 1993. Nel corso degli anni, il patrimonio della Biblioteca si è arricchito di altri fondi librari – oltre a quello donato da Ragghianti con le donazioni di: Pier Carlo Santini, Aldo Geri, Silvio Coppola,  Dolores Sella, Raffaele Carrieri, Mario Tobino, Aldo Salvadori, Isa Belli Barsali, Giovanni e Vera Pieraccini, e altri. Attualmente possiede oltre 70.000 volumi e circa 800 testate di riviste, più un considerevole nucleo di tesi di laurea del Dipartimento di Storia delle Arti di Pisa depositate da Piero Pierotti.

Oltre allArchivio Ragghianti, la Fondazione raccoglie gli archivi Pier Carlo Santini, Silvio Coppola, Lorenzo Guerrini, Ida Cardellini e una collezione di oltre 36.000 opuscoli e cataloghini d’arte. I fondi fotografici sono costituiti da circa 180.000 immagini tra fotografie e ritagli.

Il Centro custodisce una collezione di numerose opere grafiche, dipinti, disegni, e sculture, frutto di donazioni da parte di importanti artisti italiani. Le sculture sono esposte nei chiostri del Complesso Monumentale di San Micheletto, sede della Fondazione. Nel 2012 la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggisti della Toscana ha dichiarato la Collezione delle opere d’arte della Fondazione Ragghianti di interesse storico-artistico con Decreto n. 394/2012 e successivamente nel 2014 l’Archivio di Carlo Ludovico Ragghianti è stato dichiarato, dalla Soprintendenza Archivistica Toscana, di particolare interesse.

L’attività della Fondazione è incentrata, oltre che sulla biblioteca, fototeca e archivio, sull’organizzazione di mostre d’arte, attività didattica, conferenze, convegni. Dal 2004 la Fondazione è anche editore; oltre alla pubblicazione di cataloghi, ricerche e tesi, inerenti all’attività di centro studi, pubblica la rivista LUK, resoconto periodico del Centro Studi Ragghianti.

Share

La Fondazione Ragghianti