preloader

Il Cenacolo di Andrea Del Castagno

cenacolo andrea castagno

REGIA
Carlo Ludovico Ragghianti

TESTO
Carlo Ludovico Ragghianti

MUSICA
Giorgio Fabor

FOTOGRAFIA
Anto Giulio Borghesi

ANNO
1954

PRODUZIONE
Este Film, Ferrara e Romor Film, Milano (per Direzione Pubblicità e Stampa Olivetti) in collaborazione con il CIDALC (Comité International Diffusion Arts et Lettres à travers le Cinéma)

NOTE
organizzazione di Alberto Mortara e Adolfo Baruffi; effetti speciali ideati da C.L. Ragghianti e realizzati da Nerino Bianchi

FORMATO
35 mm, 16 mm

LINGUA
italiano e inglese

DURATA
9’30”

PELLICOLA
Colore

SERIE
seleARTE Cinematografica, Critofilm 2

DESCRIZIONE

Lettura critica del Cenacolo di Andrea del Castagno conservato nella Chiesa di Sant’Apollonia a Firenze. Il film ha un “falso” inizio nel quale vengono sviluppate tutte le componenti del documentario tradizionale sull’arte (vita e opere dell’autore, immagini di Firenze e dei suoi principali monumenti) che poi viene improvvisamente interrotto, come se ci fosse un danno alla pellicola. A questo punto si sente la voce del commentatore che dice: “Ci siamo accorti che non è così che va veduta e spiegata quest’opera d’arte. Vediamola in un altro modo: cerchiamo di penetrarla direttamente, di guardarla nel modo in cui l’artista la creò”. Questa interruzione con effetto sorpresa è quindi una dichiarazione programmatica del metodo di indagine formale del critofilm. I mezzi tecnici cinematografici vengono usati per ricreare la struttura figurativa dell’opera, che converge tutta verso il centro. Alcune linee disegnate sulla pellicola servono a mettere in evidenza la struttura compositiva dell’opera: una serie di archi unisce i personaggi seduti e tutte le figure risultano inserite in un ampio semicerchio. “Così animata e interpretata possiamo ora contemplare questa pittura semplice e grandiosa e intenderne la segreta perfezione”.

*in visione, la versione francese, presso la videoteca della Fondazione Ragghianti

We use cookies to give you the best experience.