preloader

Dark

Light

Dark

Light

Scroll to top

Riapertura della biblioteca, degli archivi e della fototeca

A partire da martedì 13 aprile la biblioteca, gli archivi e la fototeca della Fondazione Ragghianti riaprono al pubblico su prenotazione, a numero chiuso, come prescritto dalla normativa vigente.

Indicazioni per l’accesso:

  • per accedere alla biblioteca / sala di lettura è obbligatorio prendere un appuntamento scrivendo un’e-mail a info@fondazioneragghianti.it o telefonando al numero 0583/467205, attivi dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 17, salvo festività infrasettimanali;
  • per accedere è obbligatorio l’uso della mascherina;
  • nella sala di lettura si svolgeranno (nel rispetto delle distanze di sicurezza e di tutte le altre disposizioni vigenti) i servizi di prestito e restituzione dei libri e di consegna della documentazione d’archivio. I prestiti dovranno essere prenotati scrivendo un’e-mail all’indirizzo info@fondazioneragghianti.it o telefonando al numero 0583/467205, attivi dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 17;
  • la consultazione nella sala di lettura è consentita soltanto per i volumi della biblioteca della Fondazione Ragghianti che non possono essere concessi in prestito e per i documenti d’archivio della Fondazione stessa;
  • l’orario di apertura al pubblico, previo appuntamento, è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18 e il martedì anche la mattina dalle 9 alle 13;
  • sarà possibile ricevere assistenza telefonica per orientamento e aiuto con le prenotazioni, ma anche per informazioni, document delivery e per il reperimento di articoli o parti di libro, contattando il numero 0583/467205 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 17 o scrivendo a info@fondazioneragghianti.it;
  • la prenotazione dei libri è riservata soltanto agli utenti già registrati alla biblioteca della Fondazione Ragghianti. Chi non lo fosse, potrà iscriversi via e-mail richiedendo i moduli al seguente indirizzo: info@fondazioneragghianti.it.

Ph credits Beatrice Speranza

We use cookies to give you the best experience.