preloader
“Ut pictura pellicola : dissolvenze incrociate : Ragghianti, cinema e arti figurative” è stato aggiunto al tuo carrello. Visualizza carrello
 18,00“seleArte” (1952-1966) una finestra sul mondo Ragghianti, Olivetti e la divulgazione dell’arte internazionale all’indomani del Fascismo
In stock

“seleArte” (1952-1966) una finestra sul mondo Ragghianti, Olivetti e la divulgazione dell’arte internazionale all’indomani del Fascismo

 18,00

SKU: ISBN 978-88-89324-27-1 Category:

Collana Scriptacontemporanea 1
in coedizione con Maria Pacini Fazzi editore, Lucca. 256 p., ill. e fot. b. e n. (27,5×21 cm.)

Autori:
BOTTINELLI Silvia

Editore:
Edizioni Fondazione Ragghianti Studi sull’arte, Lucca, 2010

ISBN: 
978-88-89324-27-1

Per questo lavoro l’autrice ha potuto avvalersi di documenti, in gran parte inediti, consultati negli archivi della Fondazione Ragghianti, del figlio dello studioso e di altri archivi sia pubblici che privati.
Dice nell’introduzione Ettore Spalletti: “Assai opportunamente il percorso critico inizia con gli essenziali riferimenti al contesto culturale all’interno del quale Ragghianti e i suoi collaboratori (prima fra tutti la moglie Licia Collobi) maturarono il progetto. Si comincia con tracciare un panorama degli studi storico-artistici nell’Italia dell’immediato dopoguerra, che costituisce una sorta di ‘preistoria’ dell’ideazione della rivista; ma subito si passa a ricostruire con grande efficacia e con ricchezza di particolari, anche inediti, il fruttuoso ed intenso rapporto dello storico dell’arte con Adriano Olivetti, industriale e promotore di cultura particolarmente dinamico in quegli anni, vero punto di riferimento, anche attraverso la sua casa editrice Comunità, di intellettuali, urbanisti – ed anche uomini politici – interessati ad un rinnovamento non convenzionale ed aperto all’internazionalità della cultura e della stessa società italiana. I paragrafi seguenti sono dedicati ad analizzare… la cura meticolosa con la quale vennero studiati tutti gli aspetti editoriali della rivista, a partire dalla veste grafica, dal formato e dal taglio critico particolarmente agili, nel loro esplicito riferimento al contemporaneo «Reader’s Digest», fino alla progettazione di rubriche fisse capaci di attrarre il lettore e alla definizione di tiratura e individuazione di una catena di distribuzione che fosse in grado di garantire una ottimale diffusione del periodico”.

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review ““seleArte” (1952-1966) una finestra sul mondo Ragghianti, Olivetti e la divulgazione dell’arte internazionale all’indomani del Fascismo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

We use cookies to give you the best experience.